Torchlight II

Categorie: Videogiochi e Films
Tag:
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: 23 settembre 2012

Arrivato dopo continui rimandi il seguito di un ottimo hack ‘n slash che ha letteralmente spopolato tanto da finire pure su Xbox 360 per la sua formula basilare e meccanismi puliti da orpelli e anzi al servizio del gamer, senza però disdegnare una forte profondità. Torchlight per riassumere altro non è che un clone quasi 1:1 di Diablo. Il secondo capitolo a distanza di tre anni non fa altro che potenziare la formula, il classico more of the same e oserei dire quasi in modo spudorato nella sua copia a partire dallo score (ma hanno chiamato Matt Uelmen?) per arrivare al semplice movimento o utilizzo dei comandi, tra tasti numerici rapidi e uso del mouse. Veloce, velocissimo, abbastanza facile da affrontare e con una quantità direi imbarazzante di loot, dopo 30 minuti di gioco si fa fatica a star dietro alle varie possibilità che saprà offrire. In definitiva trovo qualche riserva, ovvero consigliarlo a chi in questi mesi sta diventando di gomma per equipparsi in maniera decente ai livelli più ostici (ogni riferimento è casuale), Torchlight nonostante sia tutto fuorchè frustrante (e credetemi un valore aggiunto non di poco conto) resta troppo uguale al maestro ispiratore. Mi riferisco praticamente in ogni dettaglio non fosse per la skill tree e i punti alle statistiche qui assegnabili come preferiamo (e possibilità di fare marcia indietro casomai sbagliassimo a distribuirli), la possibilità di stare offline (grande cosa), però vedere il cooldown sulle pozioni, gemme, gradi di qualità degli oggetti e set, damage per second, crit damage, magic find, seguace e altro anche qui… Dovete proprio essere dei grossi fan del genere o avere forte nostalgia di Diablo 2. Ma nel caso non abbiate dimestichezza con la serie targata Blizzard allora Torchlight 2 è un grande titolo, giustamente atteso. A me personalmente piace meno per un comparto grafico in linea con il precedente ma ancora troppo “pupazzoso” per i miei gusti e chiaramente per averne visti a bizzeffe di giochi del genere. Comunque va detto che alcuni limiti li ha proprio per essere un prodotto indie ma non per questo scevro di gustose qualità. Costa meno di 20$, requisiti di sistema infimi, online coop a 4 su internet ma anche LAN in locale (grandissima cosa) è sempre tanta roba. Dategli una chance.

Seguimi con un click

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Risolvi l\'operazione per lasciare un commento! (in numeri) * Tempo limite scaduto, reinserisci il CAPTCHA. Hai 120 secondi!

Benvenuto , oggi è mercoledì, 20 giugno 2018