Displacement

Per la via del mare bifolco in una miscela di strade connesse da staccionate di lacci emostatici, corro senza la meta perchè il due è uno intero. Volo in un campo senza contorni dove le linee che delimitano ti chiudono in spazi poco consoni. Soffocamento, smarrimento, spostamento. Perdi il suono in cui spazi neurali trovano piacere nella carne di non so chi. Troppe paranoie troppe responsabilità. Perchè non lasciare che tutto scorra? Tu trova lo schema e capirai che hai perso solo tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Risolvi l\'operazione per lasciare un commento! (in numeri) * Tempo scaduto! Ricarica la pagina.