mass effect, le mie impressioni

Mass Effect sta assorbendo la quasi totalità del tempo libero ma si possono spendere due righe per quello che ritengo sia il giocone per 360 dello scorso anno. Indubbiamente il prodotto BioWare è una esperienza sotto ogni punto di vista, immaginatevi come genere ludico di aver di fronte uno sparatutto 3D, una avventura grafica (alla lontana) e un gioco di ruolo. Il tutto senza voler eccellere con quello che offre il mercato (per dirla breve non è uno shooter alla Call of Duty) ma ben miscelato e godibile. La trama principale, variegate sottotrame e background di contorno formano una vera opera d’arte, un mondo in pieno stile fantascientifico classico che pulsa vita propria, partendo dalla caratterizzazione delle classi, le tantissime razze, armi biologiche e tecnologiche, la politica, etica religiosa e genetica, enciclopedia galattica. Fare una intervista con una giornalista e poi sentire mentre si prende l’ascensore l’annuncio del suo servizio in televisione è solo la punta dell’iceberg. La nostra condotta morale, le nostre scelte influiscono il rapporto con gli altri membri dell’equipaggio, i nostri superiori e chi ci circonda, avvertendo la tensione di essere al centro di una serie di eventi che possiamo gestire a nostro piacere. Non voglio perdermi nei dettagli sul sistema dinamico delle domande come le inclinazioni “esemplare” e “rinnegato” (i due modelli comportamentali che decideremo noi), le animazioni facciali, il taglio registico delle sequenze e la colonna sonora epica o la meccanica ruolistica, la stampa specializzata ha già versato fiumi di caratteri, dirò che sono genuini e funzionali.

Rimarco solo alcuni difetti che mi han fatto parecchio storcere il naso e tutti di natura tecnica. Cali di frame rate, caricamenti al volo e altri lunghi, fastidiosi ed evitabili. Sarebbe il meno. Ci sono incoerenze frutto di una leggerezza che erano risolvibili dati i tempi biblici di sviluppo: possibile che io cammini a bordo di un lago di lava e supertecnologicamente corazzato sfioro con un piede la punta e muoio di colpo? Può la stasi di una matriarca farmi bloccare in mezzo al pavimento (leggi compenetrazione) e rimanere così immobile e immobile appena mi riprendo? Possono alcune frasi perdersi per strada? Perchè quando parte uno scontro a fuoco sono sempre girato da tutt’altra parte? No. Queste magagne sono da far presente, al di là delle side quest bene o male tutte simili (benchè ogni pianeta ha la sua conformazione geologica ad esempio) e minano un pò la struttura di gioco. Visti i rimandi qualche mese non avrebbe fatto differenza, al diavolo le festività: solo la Blizzard ha i coglioni? Anni di sviluppo in una sola direzione si vedono ma per fortuna il progetto si snoda su una trilogia (il seguito è già in sviluppo) e i margini di miglioramento arriveranno. Disquisizioni a parte il punto è che se avete una 360 (esclusiva ma chissà per quanto vista l’acquisizione di BioWare da parte dell’Electronics Arts), vi piace la fantascienza e avete un bel pò di tempo da spenderci sopra, non esitate: la profusione nello sforzo del team creativo per mettere in piedi un universo di tale portata, merita da solo l’acquisto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Risolvi l\'operazione per lasciare un commento! (in numeri) * Tempo scaduto! Ricarica la pagina.